Sintesi

Realizzare un’infrastruttura tecnologica affidabile a fronte di un’evoluzione rapida e costante rappresenta una sfida organizzativa fondamentale. Per vincerla è necessario un finanziamento adeguato, competenze appropriate, un monitoraggio sistematico e una procedura ben definita che porti a prendere le decisioni in modo consapevole. Un’organizzazione non può certo tenere il passo con tutti i cambiamenti, i miglioramenti e gli aggiornamenti tecnologici, ma deve essere in grado di riconoscere i cambiamenti indispensabili per mantenere operativo il suo programma di conservazione digitale.

Molti fattori intervengono nella scelta dei supporti digitali di memoria a lungo termine. Valutare tali fattori, tenendo conto del gran numero dei supporti attualmente disponibili, può essere un compito complesso. La tabella seguente mostra un possibile approccio. In questo esempio, ogni supporto riceve per ogni requisito un punteggio che va da 1 (non corrisponde al requisito) a 3 (risponde pienamente al requisito): un supporto deve avere un voto complessivo almeno di 12 punti per essere preso in considerazione. (Si veda il documento “Selecting Storage Media for Long-Term Preservation” per una descrizione dei criteri di selezione).

Supporto CD-R DVD-R Zip Disk 3.5" Magnetic Disk DLT DAT
Longevità (Longevity)
3
3
1
1
2
1
Capacità (Capacity)
2
2
1
1
3
3
Vitalità (Viability)
2
2
1
1
3
3
Obsolescenza (Obsolescence)
3
2
2
3
2
2
Costo (Cost)
3
2
1
1
3
3
Suscettività (Susceptibility)
3
3
1
1
3
2
Totale
16
14
7
8
16
14

Persino con una scelta ottimale dei supporti, è necessario valutare, riconoscere e considerare con cura i danni fisici possibili di tutte le componenti hardware e includere le misure di sicurezza desiderate (strumentazione, politiche, procedure e competenze richieste).

Inoltre, la scelta dei supporti di memoria e l’integrità della parte hardware rappresentano soltanto una parte della complessa catena di elementi da prendere in considerazione per assicurare una conservazione digitale a lungo termine. Un supporto di memoria fisicamente integro è utile soltanto se i dati che contiene sono accessibili e possono essere restituiti in forma leggibile per l’utente. Attualmente l’obsolescenza rappresenta un pericolo ben reale che minaccia l’informazione digitale e piani proattivi di gestione dei problemi devono far parte di ogni programma di conservazione digitale.